Al meeting internazionale del RIACs: condivisione di buone pratiche e speed dating

Dal 15 al 17 gennaio 2019 si è svolto a Napoli, presso Palazzo Armieri, il terzo meeting internazionale del partenariato del progetto europeo RIACs – Regional Integration Accelerators. L’incontro è stato organizzato da Cidis con l’obiettivo di promuovere un momento pubblico di confronto tra i partner e gli stakeholders locali. Un vivo confronto che si è concentrato sulla metodologia di RIACs, la condivisione di esperienze realizzate nei vari paesi e sul futuro del progetto, in un’ottica di scambio di conoscenze ed esperienze.

Il convegno ha visto l’ampia partecipazione dei partner di progetto provenienti da Danimarca, Germania, Turchia e altri contesti regionali italiani,  stakeholders dei settori economici di riferimento (turismo e manifatturiero), di operatori impegnati nelle attività di accoglienza e di rappresentanti delle comunità di immigrati maggiormente presenti a livello regionale.

Durante i tre giorni di meeting, non sono mancati interventi di personalità provenienti dal mondo accademico e istituzionale come Gennaro Avallone, ricercatore dell’Università di Salerno, sociologo esperto di fenomeni migratori, che ha fornito una  panoramica sul quadro socio-economico della Campania, con particolare riferimento alla presenza dei Rifugiati e richiedenti Asilo, alle sue caratteristiche e al suo impatto sul contesto di riferimento e sul mercato del lavoro locale.DSC_6493

La voce delle istituzioni

Gli interventi istituzionali hanno riguardato soprattutto le azioni messe in campo a livello regionale per l’integrazione dei cittadini stranieri (Nadia Caragliano – Direttore Generale Politiche sociali e socio-sanitarie della Regione Campania), le iniziative messe in atto a livello regionale per la formazione professionale per i gruppo vulnerabili (Chiara Marciani, Assessore regionale alla Formazione e alle Pari Opportunità). Un intervento specifico sui settori economici sui quali RIACs investe (tessile, enogastronomico e turistico), di  Maria Pia Ponticelli – Fondazione ITS Bact – Tecnologie Innovative per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo.

Franco Roberti, Assessore regionale alle Politiche integrate di sicurezza e legalità, ha invece affrontato le problematiche dei flussi migratori, con riferimento alle Politiche di accoglienza e integrazione e relativi rapporti con il Governo centrale, illustrando  le strategie e le linee politiche della Amministrazione Regionale della Campania che guidano la gestione della presenza dei Rifugiati e Richiedenti Asilo a livello regionale.

Maria Teresa Terreri, Presidente di CIDIS onlus l’ente responsabile degli interventi in Italia, ha presentato le attività realizzate nell’ambito del progetto, in Regione e in particolare a Napoli, con i primi risultati e la rete di stakeholder locali coinvolti.

 

DSC_6499

L’incontro è proseguito con  la presentazione e lo scambio di buone pratiche per l’integrazione socio-lavorativa dei cittadini stranieri sperimentate a livello locale e internazionale in modalità Speed Dating, per dare la possibilità ai partner di conoscersi più approfonditamente ed eventualmente intessere rapporti di collaborazione futura.

Come organismo, non possiamo che esprimere piena soddisfazione per l’attiva partecipazione e augurare buon lavoro a tutti i partner!

 

Il progetto RIACs, Regional Integration Acceleratorsè un’iniziativa sostenuta dalla Commissione Europea, nell’ambito del Programma per l’occupazione e l’innovazione sociale (EaSI) 2014-2020 e promossa da una partnership di attori pubblici e privati transnazionali, per far fronte all’afflusso di richiedenti asilo e rifugiati, proponendo non soltanto l’accoglienza ma l’integrazione a lungo-termine nella società ospitante, attraverso un accelerato inserimento nel mercato del lavoro.

L’intervento si sviluppa a livello europeo, in Germania, Danimarca, Turchia e Italia, grazie a un partenariato di Enti Pubblici (ProARBEIT JobCenter e ESBJERG Municipality), del Privato sociale (CIDIS Onlus, ALISEI soc. coop, HABITAT, IGAM) e del Mondo Accademico (RUHR-UNIVERSITÄT BOCHUM), coordinati dalla Municipalità tedesca di OFFENBACH.