I minori arrivati soli alla Giornata Mondiale della Terra, news da Caserta

Il 22 aprile i minori stranieri arrivati soli che risidenono nelle comunità alloggio gestite da Cidis Onlus nel casertano hanno celebrato la Giornata Mondiale della Terra partecipando alla Festa delle Oasi Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli).

nor

I ragazzi e le ragazze di Casa Teranga, Casa Ariel e Casa Mia, hanno aderito alla Giornata della Terra visitando la riserva chiamata “Oasi delle Salicelle”, situata nei pressi del Palamaggiò di Castel Morrone (CE), dove il fiume Volturno si incunea tra i campi coltivati creando l’habitat ideale per la sopravvivenza di numerose specie di uccelli selvatici.

La giornata si è svolta all’insegna del divertimento e del rispetto della natura, e i ragazzi hanno dato il loro contributo ripulendo la zona dai rifiuti abbandonati e partecipando a momenti di osservazione di alcune specie di animali che popolano il bacino.

“Avere esperienze dirette sul campo, sporcandosi le mani, è estremamente importante per i ragazzi accolti – commenta Antonio Palermiti, coordinatore di Casa Ariel – Queste attività offrono ai ragazzi la possibilità di approfondire la conoscenza del territorio e della comunità locale di riferimento”. Questa giornata va a testimoniare la comunione d’intenti tra Cidis Onlus e la Lipu, andando a consolidare una collaborazione che va avanti sin dall’apertura della comunità Casa Ariel a Caserta.

La salvaguardia dell’ambiente è una questione che riguarda il benessere e lo sviluppo dei popoli e la promozione di una nuova coscienza ambientale è un dovere: oltre a condividere queste idee, la Lipu e Cidis Onlus condividono una concezione dell’ambiente come spazio di convivenza tra culture diverse e luogo ideale per il riconoscimento sociale del migrante. Il volontariato, dunque, viene usato come strumento di interazione, sviluppo di competenze e coscienza civica, finalizzato all’emancipazione dei nuovi cittadini italiani.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Capua, ha visto la partecipazione di altre realtà associative come Comitato Città Viva Caserta, Il Sentiero del re Capua, CAI Caserta, Scout Caserta 4 dell’Agesci e Volturnia Kajak Capua.

Ottime notizie, migliori pratiche – la relocation di tre minori stranieri soli

Il 31 ottobre due minori stranieri arrivati in Italia soli e ospiti della comunità alloggio gestita da CIDIS a Prata Sannita hanno preso il volo per l’Olanda. La settimana precedente un altro ragazzo nostro ospite era partito per il Belgio: i tre minori sono entrati nel programma di relocation – o ricollocazione – che coinvolge i paesi dell’Unione Europea dal settembre 2015.

Il programma è una delle iniziative concepite nell’ambito dell’Agenda Europea sulla Migrazione, adottata dalla Commissione Europea nel 2015 in risposta alla pressione migratoria che subivano i principali paesi di sbarco in quell’anno. Preso atto delle conseguenze del sistema di Dublino, l’UE con questa misura ha stabilito che nel giro di due anni 160mila persone sbarcate in Italia e in Grecia sarebbero state ricollocate negli altri paesi membri, di fatto creando una sorta di deroga al sistema stesso.

Il programma prevede lo spostamento di persone in evidente necessità di protezione internazionale, ovvero appartenenti a nazionalità il cui tasso di riconoscimento di protezione sia pari o superiore al 75%, che dopo aver richiesto asilo nello stato di arrivo, possono essere trasferite nel Paese di ricollocazione per l’esame della domanda di protezione internazionale. È anche previsto che sia data precedenza ai soggetti più vulnerabili, ovvero minori, vittime di tratta, persone con disabilità.

Il progetto ha visto l’adesione di quasi tutti i paesi dell’UE (ad eccezione di Inghilterra e Danimarca), che avrebbero dovuto tempestivamente mettere a disposizione i 160mila posti, ma ha avuto molti ritardi e diverse difficoltà a decollare. A due anni dal suo inizio, solo 8.600 persone sono state ricollocate dall’Italia, e di queste solo 32 sono minori.

Per questo per noi è una grande vittoria aver realizzato tre ricollocazioni nel giro di pochissimo tempo, soprattutto perché si è trattato di ragazzi eritrei, statisticamente i più inclini alla fuga dai centri di accoglienza.

I tre ragazzi partiti da Casa Mia sono sbarcati a Pozzallo il 28 giugno, e sono arrivati nella comunità alloggio di Prata solo il 12 luglio scorso. In poco meno di quattro mesi dal loro arrivo sono partiti per i paesi di ricollocazione, provando che le buone pratiche messe in atto nei territori sono fondamentali non solo per una buona accoglienza ma anche per la buona riuscita dei programmi internazionali. La relocation a tempo di record è infatti stata possibile grazie al lavoro, alla volontà e alla stretta collaborazione di tutti gli attori coinvolti.

La comunità alloggio e i suoi operatori si sono messi all’opera sin dal primo ingresso dei minori in comunità, richiedendo immediatamente la nomina di un tutore volontario al Tribunale competente. Grazie alla disponibilità del tutore Pasquale Della Torre, amico e sostenitore del lavoro di Cidis con i ragazzi, la sua nomina e il suo giuramento presso il tribunale dei minori sono avvenuti in soli quattro giorni, cosa che ha permesso di contattare la Questura di Caserta immediatamente per segnalare la volontà dei ragazzi di richiedere la protezione internazionale e congiuntamente di accedere al progetto di relocation.

Un buona pratica fondamentale è stata quella di cominciare immediatamente il lavoro con i mediatori per l’orientamento legale dei ragazzi, necessario per frenare il loro desiderio di fuga — è molto comune infatti che non conoscendo le opportunità di ricollocazione legali messe a disposizione dall’UE, e a causa dei tempi lunghi e incerti della burocrazia, spesso i minori se ne creino da soli scappando dai centri e tentando la traversata delle frontiere.

“Questa è stata la preoccupazione più grande” ci ha detto Lidia Massi, la coordinatrice di Casa Mia “Ci è sembrata una vera corsa contro il tempo. I minori avevano un progetto migratorio ben chiaro e definito sin dalla loro partenza dall’Eritrea, cioè quello di raggiungere altri Paesi Europei per avvicinarsi a parenti o semplicemente alla ricerca di una vita migliore. È stato fondamentale creare immediatamente un rapporto di fiducia con i ragazzi affinché si mettessero nelle nostre mani per raggiungere l’Olanda o il Belgio in maniera legale e senza correre alcun rischio”.

Invece, nonostante la torrida estate casertana, il 14 agosto Lidia e gli altri operatori sono riusciti a formalizzare la richiesta di protezione e di relocation con la Questura di Caserta, il tutore, il mediatore e Amarilda Lici, l’avvocato dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione che ha supportato l’equipe di operatori in tutto il processo di preparazione della documentazione e nel corso di tutta la procedura. In seguito la strada è stata in discesa, sono stati contattati dall’Unità Dublino per integrare alcuni documenti, ma in breve tempo sia l’Unità Dublino che l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni ci hanno dato la bella notizia dell’imminente partenza dei minori. A quel punto è stato necessario produrre ancora due documenti: il nulla osta del Giudice Tutelare competente e il lascia passare della Questura.

Quando i ragazzi hanno scoperto che sarebbero partiti non ci credevano, è stata una grandissima soddisfazione per tutti vederli così felici. I ragazzi in Olanda hanno raggiunto il fratello e il cugino, il ragazzo in Belgio non aveva nessun familiare ma ha avuto comunque una rete di supporto ad attenderlo.

Noi continueremo a seguire le loro avventure, augurando a questi nuovi cittadini europei il meglio per la loro crescita e per la loro formazione.

Veel succes & Bonne chance!

Vacancy!

Al momento  Cidis Onlus è alla ricerca di:

1 Docente di lingua italiana L2

Sede di lavoro: Piedimonte Matese

Requisiti:

Docente L2 certificato o esperienza pluriennale nell’insegnamento della lingua italiana a stranieri (laurea in lettere, lingue, pedagogia o discipline umanistiche)
Attitudine al lavoro in team e in contesti multiculturali
Ottima conoscenza dei sistema operativi Microsoft e pacchetto Office e dell’uso di sistemi informatici.

Breve descrizione del lavoro:

Il/la docente dovrà realizzare attività di formazione linguistica, a partire da subito e per un totale di 100 ore, di italiano L2 per i beneficiari dei progetti di accoglienza gestiti da Cidis Onlus e per i cittadini stranieri beneficiari del programma di integrazione sociolinguistica regionale.

Si darà priorità a persone con precedenti esperienze nell’ambito dell’insegnamento L2, disponibili a orari flessibili e auto-muniti.

Le candidature dovranno pervenire entro il 21/06/2017. Per informazioni ed invio CV, regolarmente datato e firmato, contattare la sede di Napoli allo 0815571218 o inviare un’email all’indirizzo napoli@cidisonlus.org con oggetto “candidatura Docente L2 – Piedimonte Matese”.

Mini Torneo di Calcetto a Casa Mia!

FullSizeRender (19)

Il 18 Aprile è cominciato il primo torneo di calcetto dei Minori Stranieri Non Accompagnati ospiti di Casa Mia, che terminerà il 27 maggio, in tempo per l’inizio del Ramadam.

Da oggi al 26 maggio Prata Sannita, Caserta, Lacedonia e Ogliastro – le quattro squadre formate dai ragazzi accolti nei vari territori – si sfideranno in un girone all’italiana, con partite di andata e ritorno. La prima partita, giocata il 18 aprile, è finita con un bel pareggio, 3 -3 per Lacedonia e Ogliastro.

Queste le regole: ogni squadra giocherà tre partite in casa e tre in trasferta, la vittoria comporta tre punti e il pareggio uno, vincerà la squadra che accumunerà più punti. Per le partite di calcetto (a 5, 6 o 8 a seconda dei campi a disposizione) valgono le regole del calcio con l’eccezione del fuorigioco, comportamenti di gioco ai limiti del regolamento verranno sanzionati comunque per evitare tensioni inopportune. Ogni partita ha due tempi di 35 minuti con un intervallo di 10.

Gli operatori delle rispettive comunità sono gli allenatori di ogni squadra dei ragazzi e i garanti dello spirito del torneo all’insegna della sportività e dell’amicizia.

Per chi volesse seguirle, qui il calendario provvisorio delle prossime partite:

settimana (24-30 aprile) :

  • Prata sannita vs Lacedonia (giovedi 27 aprile ore 16.30):
  • Ogliastro vs Caserta (giovedì 27 aprile ore 17):

 settimana (1- 7 maggio):

  • Caserta vs Lacedonia
  • Ogliastro vs Prata Sannita (sabato 6 maggio ore 12)

settimana (8 -14 maggio):

  • Prata sannita vs Caserta
  • Ogliastro vs lacedonia

settimana (15 -21 maggio):

  • Lacedonia vs Prata sannita
  • Caserta vs Ogliastro

ultima settimana (22- 26 maggio):

  • Prata sannita vs Ogliastro
  • Lacedonia vs Caserta

Per saperne di più e per le date aggiornate delle partite, è possibile contattare lo staff di Casa Mia al numero 0823946127 e all’indirizzo email casamia@cidisonlus.org, oppure seguire l’evento dedicato sul nostro fb!

È tempo di dichiarazione dei redditi! Non dimenticatevi del nostro lavoro con questi ragazzi, aiutateci a farlo meglio. Donate il vostro 5×1000 a Cidis Onlus, Codice Fiscale 94015970547. Grazie!

Let them know it’s Christmas time!

Quest’anno al Cidis i regali di Natale sono arrivati in anticipo… i ragazzi della 69 Records, che già avevano collaborato con noi volontariamente per la produzione della colonna sonora del nostro video di raccolta fondi #unfurgonepercasamia, hanno creato una compilation di Natale i cui proventi andranno proprio a nutrire la campagna di Cidis su Produzioni dal Basso.

Siamo davvero orgogliosi di quello che hanno prodotto per noi. In questo generale periodo di diffidenza e paura, ricevere queste dimostrazioni di solidarietà nei confronti del nostro lavoro per noi è ancora più importante.

Se volete supportare questi giovani artisti e i Minori Stranieri Non Accompagnati ospiti di Casa Mia, non dovete che visitare il loro sito.

Noi intanto li ringraziamo, le loro voci sono quelle dell’Italia che ci piace.

Come dice la canzone, let’s keep feeding the world <3

Dicono di noi

Il quindicinale Polis Caserta ha dedicato una pagina a uno dei ragazzi di Casa Mia, la comunità alloggio di Prata Sannita che ospita 8 MSNA. Lo riportiamo qui sotto per intero.samuel

Per supportare il progetto e i ragazzi ospiti a Prata, è possibile effettuare una donazione libera qui.

Ringraziamo ancora il giornale per averci dedicato uno spazio!