Il posto giusto

Martedì 13 luglio 2021 è stato presentato il progetto “Il posto giusto”, un’iniziativa di Cidis Onlus in collaborazione con il Comune di Caserta per promuovere l’istituto dell’affidamento familiare in favore dei minori giunti in Italia soli.

 “Il posto giusto” ha l’obiettivo di promuovere – nelle province di Avellino, Benevento, Caserta e Napoli –  l’istituto dell’affidamento familiare quale misura preferenziale di accoglienza al fine di tutelarne il superiore interesse e agevolarne il processo di integrazione sociale.

“In questi anni abbiamo deciso di fare una scelta importante che è quella di trasformare Caserta in città dell’accoglienza e dell’inclusione. Il nostro obiettivo, attraverso i tanti progetti che abbiamo portato avanti con l’indispensabile ed insostituibile lavoro delle associazioni del territorio, è creare accoglienza ed inclusione ma anche conoscenza e cittadinanza attiva. E’ questa la sfida per costruire un nuovo, necessario, modello sociale di città moderna” afferma il Sindaco di Caserta, Avv. Carlo Marino.

Maria Teresa Terreri, presidente di Cidis, ribadisce l’importanza dell’affido familiare riconosciuto dalla normativa italiana come strumento più idoneo per l’accoglienza dei minori migranti giunti in Italia senza famiglia. “Per promuovere l’affido è di fondamentale importanza agire nel contesto locale attraverso un intervento integrato in grado di rafforzare l’intero sistema, che coinvolga direttamente tutti gli attori rilevanti nel processo, in primis la società civile e le tante risorse di accoglienza delle nostre città.”

L’intervento si integra con le numerose iniziative promosse dalla Città di Caserta, che da tempo ha messo in campo azioni per l’integrazione e la valorizzazione delle risorse dei Giovani Migranti Soli.

Il progetto, realizzato da un ampio partenariato con Cidis capofila, comprende la Regione Campania, i comuni titolari di progetti di accoglienza per Minori Stranieri Non Accompagnati, di Caserta, Ogliastro Cilento, e Lacedonia in collaborazione con il Consorzio La Rada, le Cooperative Shannara e Città della Luna Cooperativa sociale, e le Associazioni La Tenda e La Tavola Rotonda.

A supporto del progetto anche un’ampia rete che coinvolge istituzioni e diverse realtà del privato sociale: Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, Tribunale per i minorenni di Napoli e Salerno, Comune di Salerno, Comune di San Rufo, Comune di Portici, Calvi Risorta, Sant’Andrea di Conza, Piano Sociale di zona di Sapri, Piano sociale di zona Capaccio – Roccadaspide, Consorzio dei Servizi Sociale Ambito A 3 Alta Irpinia (Lioni-Avellino), Associazioni titolari di progetti di accoglienza e comunità alloggio; associazioni di famiglie e affidatari, reti dei tutori.

I minori stranieri da oggi hanno un posto giusto “Il Mattino”

“Il posto giusto” è realizzato con il Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 – Obiettivo Specifico 1 – Obiettivo nazionale 1 – lett. e – “Promozione dell’affido nel quadro del sistema nazionale di accoglienza dei Minori Stranieri non Accompagnati (MSNA)”.